Lascia un commento

Troppe tasse e troppi controlli fiscali per le imprese Italiane

Qualcuno potrebbe obiettare che noi Italiani non facciamo altro che lamentarci sempre, e che dopo tutto i vicini non stanno tanto meglio, ma di sicuro ultimamente alcune voci autorevoli si staccano dal coro e sottolineano sempre le medesime problematiche: troppe tasse, troppa burocrazia e troppi controlli fiscali.

È infatti di pochi giorni fa l’affermazione da parte del presidente della confindustria Emma Marcegaglia, secondo la quale gli imprenditori Italiani si sentono soli. Questa affermazione racchiude un senso di malessere generalizzato e palpabile nel paese, che riguarda tutto il mondo dell’imprenditoria. Da più parti si afferma che non si faccia  nulla per rilanciare l’economia, che il prelievo fiscale sia troppo alto è vero da sempre, e che burocrazia e controlli fiscali siano divenuti insostenibili. Quanto c’è di vero? In media le imprese Italiane pagano il 3% in più di tasse delle altre imprese Europee, e se si pensa che in alcuni casi il prelievo fiscale può raggiungere anche il 70% rispetto per esempio al 48% della Germania, si capisce che la competitivià si riduce drasticamente.

La burocrazia è per le aziende davvero insostenibile, per ottenere qualsiasi autorizzazione o certificazione si paga troppo e si deve attendere ancora di più. Aggiungiamo che negli ultimi mesi i controlli fiscali, utilizzando anche strumenti discutibili come redditometro e accertamento induttivo, si sono intesificati in modo esponenziale contribuendo a complicare seriamente l’attività delle imprese. E che la situazione sia insostenibile è vero, dato che lo stesso ministro dell’economia Giulio Tremonti ha avuto modo di affermare che il fisco è troppo opprimente e che i controlli fiscali sono divenuti insopportabili per le imprese, e che è quindi priorità del govreno produrre un cambiamento.

Esiste sempre, inoltre, l’annoso problema del sud del paese in cui il sommerso e l’evasione fiscale sono enormi e gravano sullo stato. Il quadro che ne esce è quello di un paese immobile, paralizzato che stenta a decollare. State seriamente meditando di trasferire la vostra impresa o crearne una nuova all’estero? Magari, potrebbe anche essere una buona idea! Contattate lo Studio Tax & Advise dove incontrerete uno staff professionale ed esperto che vi assisterà con i vostri problemi fiscali direttamente nella vostra lingua, in Italiano.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: