Lascia un commento

Preoccupazione in Italia per le troppe delocalizzazioni in atto

Sarà anche colpa della crisi economica di questi ultimi anni, che ha prodotto la perdita di tanti posti di lavoro, ma è anche vero che le aziende sempre più limitate e minacciate da burocrazia e fisco insopportabili scelgono di delocalizzare anche e soprattutto per ragioni di sopravvivenza.

Leggendo le notizie sui giornali Italiani in questi giorni, ci si rende conto che esiste un malessere generalizzato dovuto alla preoccupazione di tanti lavoratori che temono di perdere il proprio posto di lavoro a causa delle probabili scelte delle loro imprese, che stanno valutando la possibilità di delocalizzare le proprie attività.

Quasi tutti i settori sono colpiti dal fenomeno delocalizzazione, anche se i più minacciati sono quelli delle telecomunicazioni. Naturalemnte, è ben più facile spostare un call-center o una attività che si svolge prevalentemente in rete piuttosto che infrastrutture produttive più complesse.

Ma si può fermare la delocalizzazione?

Io credo di no. Il panorama è ben complicato e necessiterebbe di un fiume di parole per esssere approfondito, ma in senso più generale si può tranquillamente dire che: in un mondo globalizzato, nel quale i paesi emergenti producono tanti e buoni prodotti che rivendono poi a noi a prezzi bassissimi e non necessariamente violando sempre i diritti umani e l’integrità ambientale come alcuni sostengono, le nostre imprese hanno come unica scelta quella di delocalizzare se desiderano sopravvivere.

A nulla servirebbe, come sostengono alcuni, apporre dazi e tasse sulle importazioni. Il paese emergente che rappresenta per le imprese Italiane un mercato appetibile farebbe lo stesso a tutto svantaggio delle esportazioni per il paese Italia.

Si tratta secondo me di trovare il giusto equilibrio tra delocalizzazione ai fini dell’abbattimento dei costi, ma pur sempre nel rispetto della realtà locale del paese in cui si stabiliscono le attività, dei diritti umani e della sostenibilità ambientale. Per quanto controverso possa essere il tema, le imprese sono e restano comunque realtà private ed in quanto tali la proprietà ha il diritto ed il dovere di scegliere la via più adeguata a garantirne la sopravvivenza e la redditività.

Lo Studio Tax & Advise a Londra, offre la sua consulenza fiscale professionale a tutte quelle aziende anche medio piccole, che desiderino delocalizzare o internazionalizzare le loro attività.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: