Lascia un commento

Paradisi fiscali: le isole Turks & Caicos nel mirino

Parlando di paradisi fiscali vi sarete accorti che negli ultimi anni si sta per così dire dando un giro di vite a tutte queste località privilegiate, le quali sembravano essere intoccabili ma improvvisamente entrano nel mirino dei vari governi che minacciano ritorsioni in mancanza di tarsparenza e collaborazione.

L’Italia se l’è presa con San Marino e in buona parte con la Svizzera, mentre il Regno Unito ha varie ‘gatte da pelare’ si potrebbe dire, se consideriamo quanti di questi territori una volta colonie del Regno ora godono di una certa autonomia politica ma si sono convertiti in paradisi fiscali.

Uno di questi territori nel mirino della Corona Britannica sono le piccole Isole di Turks & Caicos, un pugno di isolette vicino alle più famose Bahamas, che nel 2009 sono state oggetto di una vera e proia rappresaglia politica e fiscale al fine di appurarne le attività. C’era infatti il sospetto che il sistema finanziario delle isole oltre a nascondere imprese e conti bancari offshore, si dedicasse anche al riciclaggio di denaro sporco, si dice addirittura proveninete da attività criminali.

L’allora Primo Ministro Gordon Brown, inviò vari ispettori e si provvedette prontamente in seguito a modificare la costituzione delle isole al fine di rendere il sistema bancario locale trasparente e collaborativo. Questo ha però generato un certo disagio nella popolazione locale, che tuttora vede l’ingerenza del Regno Unito come una sorta di sopraffazione della propria sovranità. Alcuni locali infatti, propongono di liberarsi completamente dal giogo Inglese ed ottenere una completa indipendenza.

I tempi sono cambiati, la sfida al segreto bancario e la lotta all’evasione fiscale rendono sempre più difficile usufruire dei servizi di una destinazione offshore in modo piuttosto ambiguo come avveniva in passato.

Chi ha intenzione di stabilire una società offshore deve essere pronto a trasferire realmente la propria residenza nel luogo in cui dichiarerà di vivere per usufruire degli eventuali benefici fiscali che questa scelta gli può offrire.

Consultatevi con gli esperti dello Studio Tax&Advise di Londra per avere maggiori dettagli in merito.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: