1 Commento

Facendo un po’ di chiarezza sulla Svizzera (parte 3)

Per quanto riguarda invece le imposte dirette sulle persone fisiche:

Sicuramente la Svizzera e’ uno dei migliori Paesi in termini di tassazione per chi vive di rendita. Infatti molti artisti come attori o calciatori o anche ricchi pensionati, scelgono appunto si spostarsi a vivere in Svizzera per poter godere di questo privilegio. Infatti questi possono concordare anticipatamente una cifra forfettaria con il fisco.
In particolare il Canton Ticino ha una delle migliori condizioni rispetto agli altri cantoni che e’ infatti di un quinto inferiore.

L’imposta colpisce il reddito complessivo e quindi comprende i redditi da attivita’ lucrative indipendenti ,attivita’ lucrative dipendenti, redditi provenienti da previdenze (rendite e pensioni), redditi immobiliari e mobiliari e altri proventi.

In particolare il sistema fiscale svizzero si fonda sul principio dell’imposizione della famiglia e quindi viene preso in considerazioni il reddito complessivo maturato dal nucleo famigliare.

Uno dei punti chiave e’ il fatto che possono essere dedotte dalla base imponibile per la tassazione sul reddito personale, tutte le spese sostenute per l’ottenimento di questo reddito. Vengono prese in considerazione anche per esempio le spese per la scuola del figlio.

Dal 1 gennaio 2011 la riscossione dell’imposta inzia con un reddito imponibile di 30.600 franchi per coniugati, mentre 17.700 franchi per altri contribuenti. L’aliquota massima e’ del 11.5% su una base imponibile minima di 889.400 franchi per i coniugati e di 751.300 per gli altri contribuenti.

Al calcolo del reddito personale vi sono delle considerazioni di dovere per quanto riguarda l’imposta preventiva federale riscossa alla fonte sui capitali mobili come interessi e dividendi. I contribuenti Svizzeri che adempino correttemente agli obblighi di dichiarazione si vedranno rimborasare quanto versato. Le aliquote su questo tipo di redditi variano a seconda dell’oggetto in questione: 35% per i redditi di capitali, 15% per le rendite vitalizie e le pensioni, 8% per altre prestazioni di assicurazione. Quindi cio’ significa in termini pratici che sul 100% di interessi, la banca versa il 35% a titolo di imposta e il 65% al titolare del conto. Le autorita’ cantonali dopo aver valutato, possono rimborsare questo 35% al titolare del conto.

Quindi il fatto di aprire una societa’ in Svizzera da una convenienza dal punto di vista di tassazione sul reddito personale e non tanto sul reddito sociaterio. Infatti come abbiamo detto le imposte societarie sono circa del 23,8% che sono senza dubbio inferiori rispetto all’imposizione fiscale italiana ma leggermente superiori risperro l’Inghilterra.

Per avere un vantaggio e’ quindi necessario acquisire la residenza sul territorio elvetico. Ma se per avere una societa’ ci vuole la residenza, e se per avere la residenza ci vuole una societa’ (o in alternativa soddisfare le condizioni di partimonio personale descritte nella paarte 1 di questo articolo), come e’ possibile risolvere questo rompicapo? Tax&Advise ti puo’ assistere nelle soluzione di questo problema.

Un commento su “Facendo un po’ di chiarezza sulla Svizzera (parte 3)

  1. Salve Erika.
    Se è disponibile desideravo approfondire l’argomento con alcune domande specifiche.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: